Avis Darfo Boario Terme - Angolo T. - Artogne - Gianico - Pian Camuno Avis Darfo Boario Terme - Angolo T. - Artogne - Gianico - Pian Camuno
Avis Darfo Boario Terme - Angolo T. - Artogne - Gianico - Pian Camuno
torna inizio

--- avvisi 2014 ---

La prima volta con l'AVIS

EXPO 2015, ci sarà anche AVIS!

Con “AVISxEXPO, Nutriamo la vita!” anche la più grande associazione di volontariato del sangue italiana annuncia la sua presenza all’Esposizione Universale del 2015.... continua

EXPO 2015, ci sarà anche AVIS!

Con “AVISxEXPO, Nutriamo la vita!” anche la più grande associazione di volontariato del sangue italiana annuncia la sua presenza all’Esposizione Universale del 2015.
Il progetto - promosso da AVIS Nazionale, Avis Regionale Lombardia, Avis Provinciale e Comunale di Milano, Federazione internazionale dei donatori di sangue (Fiods e i giovani dell’IYC), Nutrition Foundation of Italy, con la collaborazione del Parco Tecnologico Padano - nasce con l’obiettivo di proporre iniziative, attività e prodotti educativi e scientifici deputati a fornire una grande attenzione nei confronti dell’alimentazione e della salute. Innovativa nel suo genere, l’iniziativa sarà estremamente interattiva, anche grazie alla messa in collegamento delle medesime realtà in paesi diversi del mondo.
AVIS, che si occupa di sensibilizzare al dono del sangue e di emocomponenti e più in generale di promuovere la cultura della solidarietà e degli stili di vita sani, con questo progetto vuole incoraggiare la popolazione a perseguire una corretta alimentazione e l’attenzione nei confronti della salute, invitando il pubblico a effettivi comportamenti positivi. Grazie alla collaborazione con Nutrition Foundation of Italy, prima e durante Expo, verrà messo in atto un attento studio osservazionale e verrà realizzato un questionario in italiano e inglese, disponibile anche on line, che verrà somministrato ad un campione della popolazione da gennaio 2015 fino a fine ottobre. Lo scopo dell’azione è quello di avere a disposizione dati concreti (Cosa sai, Cosa fai) e che costituiranno un parametro di riferimento oggettivo. Cosa sai è una sezione di quesiti specifici sulle conoscenze dei nutrienti e relative abitudini alimentari (calorie e proteine, consumo di grassi, ecc.); Cosa fai si sofferma sulle reali abitudini, sul consumo e sull’attività fisica. L’ultima sezione del questionario chiede agli interessati cosa hanno mangiato nella giornata precedente per avere un parametro ancora più concreto sul tema. I questionari verranno compilati anche dai visitatori di Expo, italiani e stranieri, al fine di mettere in relazione i dati raccolti anche su una popolazione non residente. I risultati emersi dai questionari saranno resi noti alla fine dell’esposizione internazionale.
Ma la partecipazione di AVIS ad Expo non si esaurisce qui. Da inizio maggio 2015 a fine ottobre 2015, Avis avrà il suo spazio presso Cascina Triulza, area dove saranno presenti le organizzazioni no profit. Verranno organizzati sei eventi: due presso Cascina Triulza e quattro fuori Expo, a Milano, presso il partner Parco Tecnologico Padano e presso Cascina Merlata. Saranno tutti eventi di carattere informativo-promozionale sulla relazione che intercorre tra alimentazione e salute.
L’interattività e la connessione multimediale consentiranno a tutte le sedi territoriali di Avis di tenersi in contatto con una partecipazione importante dal punto di vista numerico e qualitativo, anche in ottica internazionale. “AVISxEXPO, Nutriamo la vita!” è un grande progetto che contribuirà a diffondere stili di vita sani e responsabili a livello globale.

Festa Sociale nel 59° di fondazione

festa sociale 2014

Domenica 5 ottobre 2014 alla Beata di Pian Camuno
ore  8,45 - Ritrovo presso salone sottostante la nuova Chiesa della Santa Famiglia ed a seguire cerimonia di premiazione avisini
ore 10,30 - Corteo per le vie cittadine
ore 11,00 - S. Messa presso la nuova Chiesa della Santa Famiglia
ore 12,00 - Pranzo sociale presso "Ristorante Ruota Blu"
- vedi locandina con modulo d'iscrizione.

';

Anche l'estate può essere tempo di dono...

La prima volta con l'AVIS

La prima volta...

La prima volta che cammini, la prima volta che vai a scuola, la prima volta che ami, la prima volta che lavori, la prima volta che ce la metti tutta... Nella vita possiamo vivere infinite prime volte. Fra queste prova a considerare anche la donazione del sangue. Può diventare, per chi ne ha bisogno e per te, un dono... per sempre!

La prima volta... con l'AVIS

Due nuove e illustri valligiane iscritte

Domenica 8 giugno alla manifestazione "Ricordando Enea e Linda (vedi locandina) presso lo Stadio comunale di Darfo, eravamo presenti anche noi con un gazebo. Fra le nuove richieste d`iscrizione alla nostra Associazione, abbiamo accolto con entusiasmo e gratitudine quelle di due illustri valligiane: le sorelle dello sci Nadia e Sabrina Fanchini. Che sia anche questa un`occasione per diffondere i valori della solidarietà AVIS-AIDO fra le piste della vita!

  • Con le sciatrici Nadia e Sabrina Fanchini
  • Con le sciatrici Nadia e Sabrina Fanchini
  • Con le sciatrici Nadia e Sabrina Fanchini
  • Con le sciatrici Nadia e Sabrina Fanchini

Ecco il manifesto della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue 2014

Giornata Mondiale Donatore di Sangue 2014

Sabato 14 giugno si celebrerà l`undicesima Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, istituita nel 2004 dall`Organizzazione Mondiale della Sanità in concomitanza con l`anniversario della nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni e coscopritore del fattore Rhesus.
Tema scelto per l`edizione di quest`anno è "Sangue sicuro per salvare le madri", che si pone l`obiettivo di sensibilizzare l`opinione pubblica e le istituzioni sull`importanza di garantire sempre e ovunque l`accesso al sangue e ai suoi componenti per prevenire i decessi materni, provocati da complicazioni legate al parto o per forti sanguinamenti durante o dopo il parto.
Si tratta di un fenomeno diffuso soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, specialmente nell`Africa subsahariana (dove si registra il 50% dei casi) e nel Sud-est asiatico (un terzo dei decessi) e che riguarda in particolare le adolescenti al di sotto dei 15 anni.
Le principali manifestazioni promosse dall`Organizzazione Mondiale della Sanità si terranno a Colombo, nello Sri Lanka, ma come sempre anche AVIS si farà diretta portavoce di questo messaggio, promuovendo iniziative ed eventi su tutto il territorio nazionale.

I buoni consigli pre e post per affrontare la donazione in serenità!

PRIMA DELLA DONAZIONE:

  1. Non fumare
  2. Un paio di ore prima della donazione, per consentire l'esecuzione degli esami annuali, è consentito il consumo di un caffè o un Tè con al massimo 1 cucchiaino di zucchero. Evitare invece latte e latticini perché il loro consumo, prima della donazione, potrebbe rendere inutilizzabili sangue e plasma.
  3. È importantissimo un adeguato apporto di liquidi: il giorno prima della donazione bere almeno 1,5-2 litri di acqua. La mattina della donazione, fino a 15 minuti prima di donare, bere 250-500 cc di acqua aiuta a prevenire i disturbi da disidratazione, rende meno difficoltosa la venipuntura e facilita un buon flusso di sangue.
  4. La sera precedente è consigliato un pasto normale senza bevande alcooliche ed eccessi alimentari.
  5. È consigliato indossare indumenti comodi che consentano di rimboccarsi le maniche senza stringere il braccio e permettano di togliere gli indumenti più pesanti, come maglioni troppo accollati, senza rimanere svestiti.
  6. Non sottoporsi al prelievo dopo un turno di lavoro notturno.
  7. Si deve evitare, nei 2-3 giorni precedenti, di svolgere attività fisiche molto pesanti o attività sportive intense, che necessitino di tempi di recupero molto lunghi (è importante lasciare al fisico il tempo necessario per recuperare).

DOPO LA DONAZIONE:

  1. Restare distesi sulla poltrona qualche minuto prima di alzarsi (per favorire l'equilibrio pressorio).
  2. Evitare di piegare il braccio per almeno 15-20 minuti e premere per qualche minuto la garza che viene posta nella sede del prelievo (per permettere una corretta emostasi ed evitare la formazione di ematomi e lividi). Mantenere per circa 30 minuti il bendaggio.
  3. Non fumare per almeno 30 minuti (il fumo causa vasocostrizione, tachicardia e riduzione del trasporto di ossigeno, contrastando i meccanismi di compenso che l'organismo mette in atto per riportare l'equilibrio dopo la donazione).
  4. Evitare di assumere alcolici o di consumare cibi impegnativi per la digestione. Preferire invece spuntini e pasti più leggeri e più frequenti (i pasti pesanti aumentano il richiamo di sangue allo stomaco, sottraendolo agli organi vitali, come cuore e cervello).
  5. Bere (acqua, tè, spremute, succhi di frutta) più del solito durante la giornata.
  6. Evitare attività fisica intensa, lavori faticosi, attività sportiva, lunghi viaggi in auto.
  7. Contattare i medici del SIMT se compaiono reazioni imputabili alla donazione (ematomi importanti, flebiti, svenimento, ecc.).

ASL Vallecamonica-Sebino

Per i donatori che viaggiano

- Avviso
- Schema A del sito da consultare
- Schema B del sito da consultare

simbolo viaggi
Il donatore che viaggia

simbolo viaggi
West nile virus

ASL Vallecamonica e Centro Tabagismo di Darfo in un convegno contro il fumo

giornata antifumo
Il presidente dell'AVIS Salvetti Diego, il direttore sanitario dell'ASL di Dr.Besozzi, la Dr.ssa Stefania Bellesi e Dr.ssa Ornella Baisini

La disassuefazione dal fumo ed il futuro della nostra salute

Il vizio del fumo è un problema che affligge la nostra società moderna, la quale non è ancora riuscita a sconfiggere la dipendenza dalla sigaretta e tutte le conseguenza che derivano dal suo uso e consumo.
É stato proprio questo il tema della serata organizzata dall'ASL di Vallecamonica ed dal Centro per il trattamento del Tabagismo di Darfo presso la sala polifunzionale di Artogne al fine di sollecitare la popolazione a prendere coscienza dei danni causati e tenare di smettere di fumare per salvaguardare la salute.
Durante il convegno, il Presidente dell'AVIS Salvetti Diego tramite un cordiale saluto di benvenuto ha presentato il Direttore Sanitario dell'ASL Dr. Besozzi,il quale ha esposto il fenomeno della dipendenza dal fumo, illustrando i possibili interventi in materia di prevenzione promossi dall'Azienda sanitaria locale. Altri esperti sono intervenuti poi,tra cui ,la Referente Aziendale ASL per la promozione della salute Dr.ssa Stefania Bellesi,la responsabile del CCT (Centro Trattamento Tabagismo) Dr. Ornella Baisini hanno e il Primario dell'UOC Pneumolgia dell'ospedale di Vallecamonica Dr. Maurizio Tondini.
Hanno esposto in modo serio e dettagliato le patologie correlate al fumo, l'incidenza delle malattie polmonari e dati statistici sulla situazione tumorale causata dall'uso delle sigarette, sottolineando la fondamentale importanza dei Centri per il Trattamento del Tabagismo in valle come aiuti e supporti per tutti coloro fossero intenzionati a smettere di fumare.

Sofia Comensoli



AVIS sezione intercomunale Darfo Boario Terme (BS) - via Cercovi civ.2 - Google maps
apertura sede: Sabato dalle ore 15,00 alle 17,00
Email: avisdarfo@gmail.com - Tel. e Fax: 0364-540218 - c.f. 90004610177 - Privacy e cookies

×